X

Isabel Consigliere – SUBTILIA

5th October 2018
30th November 2018
Opening Reception on Friday 5th October, 7-10pm
Exhibition winner of the “Gallerist Choice” prize of the Italian Art Contest ARTEAM CUP

Isabel Consigliere – SUBTILIA

5th October 2018
30th November 2018
Opening Reception on Friday 5th October, 7-10pm
Exhibition winner of the “Gallerist Choice” prize of the Italian Art Contest ARTEAM CUP

... more

ENGLISH (Scroll to read in Italian):

“All things transitory
Are only symbols;
What is insufficient,
Here becomes an event;
The indescribable
Here is accomplished;
The eternal feminine
Pulls us upwards.”
Goethe: Faust II, Vers 12104 ff. / Chorus mysticus – Closing verses to Faust II

The theme treated in the works of the artists Isabel Consigliere is her solo show SUBTILIA – winner of the Special Prize Luisa Catucci Gallery of the Arteam Cup Competition – is undoubtedly the subtle, and perhaps sometimes unconscious, representation of the feminine.

The eternal feminine, that favor Dei that every woman possesses within herself,  inherently, and that is not to be confused with the femininity, ensemble of the physical, psychological and behavioural characteristics judged by a specific culture to be ideally associated with the idea of women, in distinction from men. Looking at the works of Consigliere, one feels  embraced by the intimate secret of the eternal feminine, which, as Rudolf Steiner said about the Goethe’s verses introducing this text: “here he means the female sex. He refers to that profundity signifying the human soul as related to the mystery of the world (…) It has nothing to do with something feminine in the ordinary sense. Therefore can we truly seek this ever-womanly in man and woman: the ever-womanly which aspires to the union with the ever-manly in the cosmos, to become one with the Divine-Spiritual that inter-penetrates and permeates the world towards which Faust strives.”

Discreet as a maiden from the past , bearer of the feminine mystery, the message in this artist works is never shouted, blatant, exuberant, nor highlighted  in an explicit way, but it rather comes across in a subtle, acute and delicate way, for the attentive eyes that will be able to read it.

The sculptures made with dandelion seeds were conceived as pieces  about the protection of the intrinsic and profound, essential nature of being. Where the dandelion seed represents a protective shell, soft and warm, but at the same time immensely fragile, that embraces us to cradle the delicacy of our soul. It is something we need, fundamental and powerful, but at the same time it is quickly corruptible if we do not become aware of it.

Protection of the essential nature of mankind, in the series For Survival, where symbolic objects related to childhood and covered with dandelion seeds, represent what we actually are, our deepest and most precious self, which deserves preservation and protection. Protection of the Essential Nature of the natural world, in the Requiem series where a centenarian Elm and an Hawthorn cut down by an ignorant hand are transfigured into their crystal coffin by a blanket of dandelion seeds.

Protection of the Vital Essence itself, in Consigliere’ s most recent series with dandelion seeds: Ex Semine. This allegory manifests itself through the use of the egg shape, in the sense of Cosmic Egg, one of the oldest representations of vital energy, harmony, knowledge and balance, used over the centuries by mystics, scientists and artists; just think of the “Pala di Brera” by Piero della Francesca. The ecological balance, beyond  spiritual and metaphysical, is necessary for the correct evolution of the individual as well as of the society, and its attainment is the intrinsic wish in all three series of works with dandelions by Isabel Consigliere. Furthermore, the almost total absence of color transports the works to a universal dimension close to the oneiric world of the unconscious, where the communication is more subtle and the language is assonance and affinity.

Physis, the last series present in the gallery this time, works as bridge with this show and its interconnected exhibition in the gallery rooms upstairs,also spinning around the theme of sacred feminine:
IMPERCEPTIBLE ECHOES, where the artist will exhibit together with Spanish women artist Belen Ordovas and Irene Cruz, .
To pre-Socratic Greek philosophers, Physis meant nature, understood as first and fundamental essence, principle and cause of all things. Consigliere interprets it also as our inner self, the most recondite and delicate part of our being. The term is enriched by various meanings in the philosophical and scientific terminology, intended as the force of nature and the ordering divinity of the Kosmos, but is nevertheless perceived as a feminine element. Taking up the Christian iconography of reliquary, Physis by Consigliere presents itself in the form of petals and flowers that flow from slots in anatomical sections made of beeswax, to remind us that behind the violence, the noise, the superficiality to which every day we adapt, flows in us an original soul, pure and powerful. A tribute to that part of us that makes us able to feel, create, understand and empathise.

The exclusive use of natural materials, wisely treated by the artist for conservation, also leads to highlight the obvious conjunction of our personal Physis with the one of the rest of Kosmos. Again a case where “the eternal feminine who yearns for the eternal masculine in the cosmos to unite with him, to become one with the spiritual Divinity that pervades the world, acting in the world”

 

ITALIAN:

“Tutto l’effimero è solo un Simbolo.
L’Inattuabile si compie qua.
Qui l’Ineffabile è Realtà.
Ci trae, superno verso l’Empireo
il Femineo eterno”

W. Goethe: Faust II, Vers 12104 ff. / Coro Mistico – Versi di chiusura Faust II



Il tema sviluppato nelle opere dell’artista genovese Isabel Consigliere che verranno presentate ad Ottobre e Novembre nella mostra SUBTILIA alla Luisa Catucci Gallery di Berlino – assegnata nell’ambito del premio Arteam Cup 2017 – è senza dubbio la sottile, e forse a volte inconscia, rappresentazione del femminino.

L’eterno femminino, quel favor Dei che ogni donna possiede in potenza, per dote, non semplicemente genetica, da non confondere con la femminilità, insieme delle ideali caratteristiche fisiche, psichiche e comportamentali giudicate da una specifica cultura associate alla donna, a distinguerla dall’uomo.
Nel guardare i lavori della Consigliere ci si sente accolti nell’intimo segreto dell’eterno femminino, che, come disse Rudolf Steiner rispetto ai versi di Goethe usati come incipit a questo testo: “qui non si intende il sesso femminile, ma quell’elemento profondo che l’umanità si raffigura come mistero del mondo (…) Non vuole affatto riferirsi a qualcosa di femminile in senso ordinario. Perciò possiamo effettivamente cercare questo eterno femminino sia nell’uomo che nella donna: l’eterno femminino che anela all’eterno mascolino nel cosmo per unirsi a lui, per divenire una cosa sola con il Divino spirituale che pervade il mondo, che agisce nel mondo, a cui Faust anela.”

Discreto come una fanciulla dell’antichità portatrice del mistero femminino, il messaggio nei lavori di questa artista, non è mai gridato, palese, esuberante, né viene messo in evidenza in modo univoco, ma bensì si manifesta in maniera sottile, acuta e delicata, per gli occhi attenti di chi riesce a carpirlo.

Le sculture con i semi di tarassaco della  Consigliere nascono come lavori sulla protezione. Protezione della intrinseca e profonda natura essenziale dell’essere, dove il seme di tarassaco rappresenta un involucro protettivo, morbido e caldo, ma al contempo immensamente fragile, che ci avvolge per cullare la delicatezza della nostra anima. È qualcosa di cui abbiamo bisogno, fondamentale e potente, ma che allo stesso tempo, è rapidamente corruttibile se non se ne prende consapevolezza.
Protezione della natura essenziale del genere umano nella serie Per La Sopravvivenza, dove oggetti simbolici legati all’immaginario dell’infanzia ricoperti di semi di tarassaco rappresentano ciò che siamo in realtà, il nostro io piú profondo e prezioso, che merita preservazione e cura.
Protezione della Natura Essenziale del mondo naturale nella serie Requiem, dove Olmo e Biancospino centenari abbattuti da una mano ignorante vengono trasfigurati nella loro bara di cristallo da una coltre di semi di tarassaco.
Protezione dell’essenza vitale stessa, nella più recente delle serie della Consigliere con semi di tarassaco: Ex Semine. Allegoria manifestata dall’utilizzo della forma di uovo, nell’accezione di Uovo Cosmico, una delle più antiche rappresentazioni di energia vitale, armonia, conoscenza ed equilibrio, utilizzata nei secoli da mistici, scienziati ed artisti, basti pensare alla Pala di Brera di Piero della Francesca.
L’equilibrio ecologico, oltre quello spirituale e metafisico, è necessario per la corretta evoluzione dell’individuo come della società, ed il suo conseguimento è l’auspicio intrinseco in tutte e tre le serie di opere con tarassachi della Consigliere. Inoltre la pressoché totale  assenza di colore trasporta le opere su un piano universale vicino al mondo onirico dell’inconscio, dove la comunicazione è più sottile ed il linguaggio è assonanza e affinità.

La serie della Consigliere intitolata Physis, servirà da ponte con la mostra presentata nello stesso periodo nelle sale della galleria al piano di sopra: IMPERCEPTIBLE ECHOES insieme alle artiste spagnole Belen Ordovas e Irene Cruz, esposizione che rotea anch’essa sul tema del feminino sacro.  
Physis per i filosofi greci presocratici significava natura, intesa come realtà prima e fondamentale, principio e causa di tutte le cose. La Consigliere la intende anche come la nostra interiorità,  la parte più recondita e delicata del nostro io. Il termina si arricchisce di varie accezioni nella terminologia filosofica e scientifica , intesa come forza della natura e divinità ordinatrice del Kosmos, ma comunque viene sentita come elemento femminile. Riprendendo l’ iconografia cristiana di reliquiario, la Physis della Consigliere si presenta in forma di petali e fiori che sgorgano da feritoie in sezioni anatomiche, realizzate in cera d’api, a ricordarci che dietro alla violenza, al rumore, alla superficialità a cui ogni giorno ci adeguiamo, in noi scorre un’anima originaria, pura e potente. Un omaggio a quella parte di noi che ci rende capaci di sentire, creare, comprendere ed essere empatici.
L’utilizzo di soli materiali naturali, sapiente trattati dall’artista per la conservazione, porta inoltre ad evidenziare la ovvia congiunzione della nostra Physis personale con quella del resto del Kosmos. Ancora una volta “l’eterno femminino che anela all’eterno mascolino nel cosmo per unirsi a lui, per divenire una cosa sola con il Divino spirituale che pervade il mondo, che agisce nel mondo, a cui Faust anela.”

 

download the dossier
share on